venerdì 26.05.2017
caricamento meteo
Sections

Indagine sulla struttura e produzioni delle aziende agricole

Tra novembre 2016 e maggio 2017 si svolge l'indagine sulla struttura e produzioni delle aziende agricole.

La rilevazione presso i conduttori delle aziende agricole è effettuata da personale regionale specificamente formato.

Prima dell'intervista i rilevatori prendono contatti con i conduttori in modo da poterli incontrare e sottoporre le domande previste nel questionario ufficiale.

Al momento dell'intervista i rilevatori si identificano e forniscono le informazioni sulle finalità e le modalità del trattamento dei dati richiesti, in conformità a quanto indicato dall’Istat nella lettera di preavviso inviata ai conduttori delle aziende.

L'intervista è diretta presso la residenza del conduttore.
Nell’impossibilità di contattare il conduttore, le notizie possono  essere richieste a un familiare, a un parente del conduttore, a un componente della manodopera aziendale o ad altra persona di fiducia che partecipi direttamente all'attività dell'azienda.

La rete di rilevazione

 La rete di rilevazione a livello regionale è costituita dal Responsabile della rilevazione, dai coordinatori regionali e territoriali, e dai rilevatori.

 I componenti della rete di rilevazione sono vincolati al segreto d'ufficio e al segreto statistico, ai sensi degli articoli 8 e 9 del decreto legislativo 6 settembre 1989, n. 322, e, in qualità di incaricati del trattamento dei dati personali ai sensi dell'articolo 30 del decreto legislativo n. 196/2003, sono tenuti ad operare nel rispetto della disciplina dettata dal decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 e delle specifiche istruzioni ricevute dal Responsabile del trattamento. 

Essi, in quanto incaricati di un pubblico servizio, sono, inoltre, tenuti all'osservanza del segreto di ufficio ai sensi all'articolo 326 del codice penale.
Sia i coordinatori territoriali sia i rilevatori sono dipendenti della Regione Emilia-Romagna.

Informazioni richieste

Le principali informazioni richieste dal questionario d’indagine riguardano le superfici dedicate alle diverse coltivazioni, le dimensioni degli allevamenti, la forma organizzativa, i rapporti dell'azienda con il mercato. Tutte le informazioni raccolte hanno l’obiettivo di migliorare la conoscenza sul settore agricolo che rappresenta un elemento fondamentale perché la pubblica amministrazione possa agire al meglio, secondo le reali esigenze degli addetti ai lavori.

Obiettivi

Il principale obiettivo dell'indagine è quello di fornire elementi utili a monitorare l'evoluzione della struttura delle aziende agricole tra i Censimenti decennali.

Tra gli obiettivi dell'indagine, oltre a quelli indicati dai regolamenti e dalle direttive, rientrano alcune esigenze nazionali o regionali e riguardano, ad esempio, l’innovazione tecnologica in azienda, la conoscenza e l’applicazione del PAN (Piano di azione nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari), la presenza in azienda di impianti per la produzione di energia rinnovabile.

Riferimenti normativi

L’indagine è triennale e di titolarità Istat ed è svolta di concerto con le Regioni e Province autonome competenti per territorio, in attuazione del Regolamento (CE) n. 1166/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 19 novembre 2008 relativo alle indagini sulla struttura delle aziende agricole e all'indagine sui metodi di produzione agricola, con riferimento all'annata agraria 2015-2016. 

L'indagine è di interesse pubblico ed è quindi inserita nel Programma Statistico Nazionale 2014-2016 - Aggiornamento 2015-2016 e Aggiornamento 2016 (cod IST-02346).

Per la progettazione del questionario, del piano di campionamento, dell’organizzazione e della conduzione dell’indagine l’Istat si è avvalso della collaborazione degli Uffici di statistica e/o Assessorati all’Agricoltura delle Regioni e delle Province, nell’ambito dei gruppi di lavoro del CISIS. 

Il campione

L'indagine si svolge su un campione casuale di aziende agricole rappresentativo dell'intero territorio nazionale, estratto dall'archivio Istat delle aziende agricole riferito all'anno 2013.

Alla Regione Emilia-Romagna sono state assegnate 2.242 aziende agricole; l'indagine è svolta dall'Ufficio di Statistica regionale (Servizio Statistica, comunicazione, sistemi informativi geografici, educazione alla sostenibilità, partecipazione appartenente alla Direzione Risorse, Europa, innovazione e istituzioni) e dalla Direzione Generale Agricoltura, caccia e pesca. Inoltre ci si avvale di coordinatori territoriali a livello provinciale e di rilevatori che agiranno per il territorio di competenza assegnato.

DENOMINAZIONE PROVINCIA

N. AZIENDE AGRICOLE

N. AZIENDE AGRICOLE %

N. COMUNI INTERESSATI

N. COMUNI INTERESSATI %

N. COMUNI INTERESSATI/N. COMUNI TOTALI %

Piacenza

219

9,8

45

14,2

93,8

Parma

260

11,6

43

13,5

95,6

Reggio nell'Emilia

254

11,3

41

12,9

97,6

Modena

329

14,7

46

14,5

97,9

Bologna

354

15,8

52

16,4

94,5

Ferrara

197

8,8

23

7,2

95,8

Ravenna

225

10,0

18

5,7

100,0

Forlì-Cesena

301

13,4

29

9,1

96,7

Rimini

103

4,6

21

6,6

84,0

Emilia-Romagna

2.242

100,0

318

100,0

95,2

 

La rilevazione è supportata da un software appositamente sviluppato da Istat (SGR-SPA), che consente, successivamente all’incontro con il conduttore, la registrazione su questionario elettronico dei dati raccolti nonché la gestione della rilevazione, attraverso funzioni di creazione della rete e monitoraggio delle attività.

Contatti

Per informazioni è possibile inviare una e-mail a statagri@regione.emilia-romagna.it 

Azioni sul documento
Pubblicato il 28/11/2016 — ultima modifica 11/04/2017
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it