martedì 17.10.2017
caricamento meteo
Sections

Tassi di mortalità

Lo studio delle cause di morte fornisce indicazioni sullo stato di salute e il livello di sviluppo di una popolazione.

Consente inoltre di orientare in modo selettivo gli interventi di sanità pubblica per la prevenzione delle patologie ad elevato impatto sulla mortalità.

Il tasso di mortalità per causa è definito dal numero di decessi che si possono attribuire ad una determinata causa in rapporto alla popolazione residente.

Le cause di morte che hanno la maggiore incidenza sulla popolazione sono le malattie cardiovascolari, i tumori, le malattie dell’apparato respiratorio e gli incidenti stradali ( che rappresentano la principale causa di morte fra i giovani).

Definizione

I tassi di mortalità standardizzati, ottenuti con il “metodo diretto”, consentono di confrontare i livelli di mortalità nel tempo e nello spazio, controllando l’effetto delle differenze di struttura per età delle popolazioni.

L’indicatore rileva i livelli di mortalità che si sperimenterebbero nelle regioni europee se le loro specifiche caratteristiche di mortalità venissero applicate a una identica struttura per età, quella della popolazione scelta come standard.

La popolazione europea standard (ESP) scelta da Eurostat è calcolata come media delle proiezioni demografiche del periodo 2011-2030. L'anno base delle proiezioni è il 2010, ma le stesse sono state riviste nel 2012 a seguito delle risultanze censuarie. I dati di popolazione ESP, in classi quinquennali di età, si riferiscono ai paesi UE27 con l’aggiunta degli stati EFTA (Islanda, Norvegia, Svizzera e Liechtenstein).

L'Emilia-Romagna nel contesto europeo

dataagg

Data di aggiornamento: agosto 2017

Comparabilità

Comparabilità

Le statistiche Eurostat sulle Cause di Morte (COD) raccolgono le informazioni contenute nei certificati di morte e sono costruite sulla base della Classificazione Statistica internazionale Diseases and Related Health Problems (ICD) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità. Il protocollo ICD raccoglie regole e linee guida per codificare le cause di morte e raccomanda la compilazione di un certificato di morte comune per tutti i Paesi.

Eurostat utilizza la "European shortlist 2012" a 86 cause di morte, che ha sostituito la precedente a 65 cause, in vigore dal 1998 a novembre 2013.

A causa del censimento della popolazione del 2011, i dati 1994-2010 e quelli a partire dal 2011 non sono più comparabili. Le serie storiche disponibili partono dal 2011, in attesa del ricalcolo dei tassi per i precedenti anni.

Azioni sul documento

Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it