martedì 17.10.2017
caricamento meteo
Sections

Superficie destinata a uso agricolo

La percentuale di superficie destinata ad uso agricolo è un indicatore dell’impatto ambientale ed economico dell’agricoltura sul territorio.
La riduzione negli ultimi quaranta anni della superficie agricola utilizzata, in molti Paesi dell’Unione Europea, è collegata a un fenomeno molto complesso, di notevole rilevanza territoriale e con importanti risvolti socio-economici e ambientali.
Le superfici agricole non utilizzate sono state infatti o riconvertite in altre forme di uso (edilizia, infrastrutture ) o “non gestite” e quindi abbandonate e divenute improduttive.
La proporzione del territorio destinata ad usi agricoli presenta una notevole variabilità tra i Paesi dell’Unione Europea, attribuibile sia alle strutture economico- produttive, sia alle  caratteristiche geologiche e climatiche.

Definizione

L’indicatore è calcolato dividendo la superficie agricola utilizzata (SAU o utilised agricultural area UAA) di una regione per la superficie complessiva di quel territorio.

La SAU  costituisce la superficie effettivamente utilizzata in coltivazioni propriamente agricole.

L'Emilia-Romagna nel contesto europeo

dataagg

Data di aggiornamento: agosto 2017

Comparabilità

Comparabilità

I dati Eurostat su “Farm structure” contengono informazioni sulla struttura delle aziende agricole basate su indagini censuarie (svolti ogni dieci anni) e campionarie intercensuarie importanti per orientare le politiche agricole comunitarie. Per alcune caratteristiche i Paesi membri possono utilizzare esclusivamente indagini campionarie.
Le indagini devono essere svolte dagli Stati membri nel rispetto della normativa europea, aggiornata nel 2008 con il Regolamento (CE) 1166/2008 che ha per oggetto l'istituzione di un quadro di riferimento per la produzione di statistiche comunitarie comparabili sulla struttura delle aziende agricole e sui metodi di produzione.
L'unità di rilevazione è l'azienda agricola e zootecnica definita come singola unità tecnico-economica soggetta a una gestione unitaria che svolge, in via principale o secondaria, attività agricola e zootecnica. I risultati delle indagini, quindi, non coprono l'intero territorio ma solo la superficie controllata dalle aziende agricole.
Come stabilito dalla legislazione europea del 2008, rientrano nel campo di osservazione delle indagini le aziende con SAU maggiore di un ettaro o con produzione agricola commercializzata superiore a una determinata soglia economica. Gli Stati membri possono utilizzare soglie differenti per escludere le micro aziende ma devono garantire una copertura di almeno il 98% del totale della SAU, escluse le proprietà collettive, e del numero totale delle unità di bestiame. Dal 2010 in poi, in applicazione del Regolamento europeo del 2008, in alcuni Stati membri, fra cui l'Italia, sono state modificate le soglie dimensionali in termini di SAU.
La comparabilità dei risultati prodotti dagli Stati membri è elevata. L'armonizzazione dei concetti, delle classificazioni e delle metodologie è assicurata dalla normativa europea che fornisce informazioni dettagliate sulle variabili da rilevare, sulla precisione delle stime e sul calendario delle indagini e impone il vincolo di garantire la rappresentatività statistica dei risultati a livello di NUTS2.
Le norme europee sono conformi alle raccomandazioni formulate dalla Fao che mirano a diffondere standard internazionali che favoriscano la comparabilità a livello mondiale delle statistiche del settore agricolo.
In Italia la Superficie Agricola Utilizzata che si ricava dalle indagini sulla struttura delle aziende agricole è minore di quella risultante dalle statistiche annuali sulle produzioni vegetali, in quanto le prime escludono sia la superficie delle aziende molto piccole (sotto una prefissata soglia dimensionale), sia i terreni che non appartengono ad aziende agricole, mentre le indagini annuali considerano tutte le superfici utilizzate in agricoltura.

Azioni sul documento

< archiviato sotto: , , , , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it