domenica 19.11.2017
caricamento meteo
Sections

L’attrattività dell’Emilia-Romagna resta elevata

Popolazione: leggero aumento del saldo migratorio complessivo

Trasferimenti di residenza: nel 2015 segnali positivi per l’Emilia-Romagna

Nel corso del 2015, 59.106 persone hanno eletto residenza in un comune dell’Emilia-Romagna, circa 1.500 in più rispetto al 2014.
Nel contempo 35.824 persone, circa 500 in meno che nel 2014, hanno cancellato la loro residenza da un comune della regione per trasferirsi in altra regione italiana o all’estero. 
Il risultato è un leggero aumento del saldo migratorio complessivo pari a 23.282 unità a fronte delle 21.340 del 2014.

Movimenti interni

Rispetto ai movimenti con le altre regioni italiane si registrano oltre 500 iscritti in più e circa 1.100 cancellati in meno rispetto al 2014. Il corrispondente saldo, pari a 9.166 unità, è in aumento di oltre 1.700 unità.
Nella generale riduzione dei movimenti migratori interni al territorio italiano, l’attrattività dell’Emilia-Romagna resta elevata e con un saldo migratorio interno di 2,1 per mille è seconda solo al Trentino-Alto-Adige (2,4 per mille).
I trasferimenti di residenza nel 2015 hanno interessato all’incirca in egual misura uomini e donne: è donna il 50,6% degli iscritti dall’estero e il 50% degli iscritti da altre regioni italiane.
Leggermente inferiore la presenza tra i cancellati tra i quali è di sesso femminile il 48,3% delle persone trasferitesi all’estero e il 49,3% di quelle che hanno spostato la residenza in altra regione italiana.
Il saldo migratorio della popolazione femminile, pari a 12.196 unità è quindi quota maggioritaria del saldo complessivo.

Movimenti con l’estero e cittadinanza

Per quanto attiene ai movimenti con l’estero, il saldo complessivo è sostanzialmente stabile attorno alle 14 mila unità (14.116 nel 2015 e 13.889 nel 2014) come risultato di un leggero aumento sia per le entrate sia per le uscite.
L’analisi per cittadinanza dei movimenti con l’estero nasconde degli andamenti opposti: gli scambi con l’estero sono infatti fonte di incremento per la popolazione straniera e di decremento per quella italiana.
Il saldo migratorio con l’estero della popolazione di cittadinanza italiana residente in Emilia-Romagna è negativo dal 2008 e fa registrare un lento e continuo peggioramento: da -580 unità nel 2008 a -4.914 nel 2015.
Il saldo con l’estero della popolazione di cittadinanza straniera si mantiene sempre positivo, ma dal 2008 al 2014 si è dimezzato passando da 41 mila a 18 mila unità. Nel 2015 ha fatto registrare una variazione positiva portandosi a circa 19 mila cittadini.

La struttura per età

I movimenti migratori coinvolgono in via prioritaria la popolazione under 40 ma alcune differenze sono rilevabili nell’analisi per cittadinanza e per tipologia di movimento.

Gli stranieri provenienti direttamente dall’estero si confermano essere il sotto gruppo più giovane: il 77% di essi ha meno di 40 anni e meno del 4% ha 65 anni o più. Al contrario gli italiani che rientrano dopo aver risieduto all’estero formano il gruppo con l’età più avanzata: circa il 12% ha 65 anni o più.
Anche tra i cancellati verso uno stato estero c’è una prevalenza di giovani e questa volta sono gli italiani ad identificarsi come più giovani rispetto agli stranieri: mentre tra i primi si riscontra il 69% di under 40 e il 4% di over 65, tra gli stranieri che si trasferiscono in uno stato estero dopo un periodo di residenza in Emilia-Romagna i giovani con meno di 40 anni scendono al 59% e gli anziani salgono al 7,5%.
I movimenti con le altre regioni italiane mostrano strutture per età più equilibrate sia tra iscritti e cancellati, sia tra italiani e stranieri. Tra questi ultimi aumenta rispetto agli ingressi dall’estero la quota di adulti e anziani come riflesso del tempo già trascorso in altri territori italiani prima di trasferirsi in Emilia-Romagna.
Sia per i movimenti con l’estero sia per quelli con il resto dei territori italiani, la classe di età 18-39 anni cumula oltre il 70% del saldo migratorio complessivo.

Azioni sul documento
Pubblicato il 16/12/2016 — ultima modifica 21/12/2016
< archiviato sotto: , , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it