domenica 20.08.2017
caricamento meteo
Sections

Ancora in ripresa il Pil pro capite regionale (Istat 2015)

Nella graduatoria regionale l’Emilia-Romagna si colloca al 4° posto

L’Istituto nazionale di statistica ha diffuso i dati definitivi dei conti economici territoriali relativi al 2013 e le stime provvisorie per gli anni 2014 e 2015, coerenti con i dati nazionali pubblicati a settembre 2016.

Nel 2015 in Emilia-Romagna il prodotto interno lordo per abitante risulta pari a 33,6mila euro, contro una media di 32,3 mila euro nel Nord-est e di 27 mila in Italia. Il pil pro capite, misurato in termini nominali (a valori correnti), mantiene la dinamica positiva avviata nel 2013 e mostra un aumento dell’1,7% rispetto all’anno precedente. Nella graduatoria regionale, l’Emilia-Romagna si colloca al 4° posto, dopo Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta e Lombardia.

Se si considera invece il Pil in volume (calcolato a valori concatenati), nel 2015, si registra un incremento dello 0,9% rispetto all’anno precedente, più marcato sia del dato nazionale sia di quello del Nord est (entrambi pari allo 0,7%). In Emilia-Romagna, a questa moderata crescita del prodotto interno lordo si accompagna una dinamica positiva della spesa per consumi finali delle famiglie, aumentata dell’1,8%, ed una leggera contrazione dell’input di lavoro complessivo, misurato in termini di numero di occupati, che cala dello 0,2%.

Nel quadriennio 2011-2015,invece,  tutti gli aggregati evidenziano un andamento negativo: il pil regionale in volume segna una diminuzione media annua dello 0,4% accompagnata da una contrazione dello 0,6% dei consumi delle famiglie e dello 0,3% degli occupati. Il Nord est e, in misura ancora maggiore, il paese nel suo complesso mostrano, nello stesso periodo, flessioni medie annue più marcate.
Il valore aggiunto dell’Emilia-Romagna deriva in minima parte dall’agricoltura (2,5%) mentre l’industria e i servizi contribuiscono, rispettivamente, per il 30,2% e per il 67,4%. Nel panorama nazionale, solo la Basilicata registra una quota più elevata di valore aggiunto dell’industria in senso stretto.

Nella graduatoria provinciale, Bologna è la terza provincia più ricca in termini di valore aggiunto per abitante prodotto nel 2014, con circa 34 mila euro, preceduta da Milano e Bolzano. Tra i primi posti per livello di valore aggiunto pro capite, figurano anche Modena (4°), Parma (6°) e Reggio Emilia (12°).

L’Emilia-Romagna si colloca in ottima posizione anche nella graduatoria del reddito disponibile per abitante, dove nel 2015 occupa il terzo posto, con circa 21,5mila euro, preceduta dalla Provincia Autonoma di Bolzano (23,7mila euro) e dalla Lombardia (21,6mila euro).

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/12/2016 — ultima modifica 13/12/2016
< archiviato sotto: , >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it