sabato 18.11.2017
caricamento meteo
Sections

EL8

Comune di Bologna

In crescita auto diesel e scooter

Nel 2016 a Bologna ci sono 52 vetture ogni 100 abitanti, più o meno come a Trieste e Firenze.
Sono però più nuove e meno inquinanti, con incidenze di Euro4 ed Euro5 superiori  media nazionale.
Dal 2005 i veicoli a gas aumentano in maniera significativa: triplicano quelli a Gpl  raddoppiano quelli a metano.  In compenso crescono i veicoli diesel: + 45%. 
I ciclomotori e le moto crescono dell'11%, ma rimane una significativa quota di Euro0. 

Vulnerabilità demografica, sociale ed economica

Il Comune di Bologna ha messo a punto una metodologia per individuare le aree più vulnerabili della città, sintetizzando un insieme di variabili in tre indicatori.

Città Metropolitana di Bologna

Incidenti stradali 2016

In aumento, rispetto al 2015, i morti tra gli utenti deboli, pedoni e ciclisti. I pedoni morti, che rappresentano il 29% dei deceduti in incidente stradale, sono passati da 16 unità a 19. I ciclisti morti sono passati da 5 unità a 8 unità. tra il 2012 e il 2016, i ciclisti feriti sulla strada, sono tendenzialmente in aumento.
Nell’area metropolitana di Bologna si sono verificati 3.898 incidenti stradali con infortunati (+2,7% rispetto al 2015), in media 10,7 incidenti al giorno.
Nell’ultimo decennio l’incidentalità tende a diminuire anche se tale andamento è più rallentato nel quinquennio.
Il numero complessivo dei morti, nel 2016, è pari a 66 unità, due individui in più rispetto al 2015 (+3%). Nell'ultimo decennio, la mortalità in incidenti stradali è diminuita del 36%.
Sulle strade comunali sono morte 32 persone (48% del totale), sulle strade provinciali 21 (32%), in autostrada, tangenziale o raccordo 8 (12%), sulle statali 5 (8%).

Provincia di Ravenna

In aumento il lavoro dipendente

Nel 2016 ci sono mille disoccupati in più e 300 tempi indeterminati in meno,  però le posizioni di lavoro dipendente aumentano (+1.616). 
L'aumento riguarda  soprattutto il terziario e i servizi. In lieve incremento è anche  l'Industria in senso stretto, mentre continua la flessione del comparto Costruzioni (-135),  il più penalizzato dalla crisi.

Camera di Commercio di Reggio Emilia

In crescita le esportazioni 

Il primo semestre del 2017, ha visto salire il valore delle esportazioni reggiane oltre i 5,1 miliardi di euro, con un incremento del 6,2% rispetto allo stesso periodo del 2016. Oltre il 70% delle vendite all'estero sono destinate al mercato europeo e, da gennaio a giugno 2017, hanno avuto un incremento del 4,9%  rispetto all’analogo periodo del 2016.
Al di fuori dei mercati dell’Unione europea continua la crescita delle vendite destinate alla Russia  (+23,9% rispetto al primo semestre del 2016).
Cresce poi del 18,4%, l’export reggiano verso il mercato americano, che si conferma la seconda area di destinazione di merci “made in Reggio Emilia” dopo l’Europa.  Dettagli e infografica.

Camera di Commercio di Modena

  • Consolidamento del trend positivo dell'export modenese, con l' incremento delle esportazioni per il terzo trimestre consecutivo. Il primo semestre 2017 registra un incremento del 6,4%, rispetto l'analogo periodo del 2016.
  • In ripresa le imprese di costruzioni in Emilia-Romagna e, a Modena, in particolare, le imprese dichiarano un  incremento di produzione dal 13% al 24%, nel secondo trimestre 2017 rispetto al precedente trimestre. A livello regionale l'incremento di produzione è passato dal 5% al 13% tra i due trimestri.

     Archivio

Camera di Commercio della Romagna. 

La demografia in provincia di Forlì-Cesena

Movimenti anagrafici e migratori, popolazione per sesso e per età, popolazione straniera, indici demografici. Anno 2016. 

Azioni sul documento
Pubblicato il 27/09/2017 — ultima modifica 28/09/2017
Informativa sulla privacy

INFORMATIVA per il trattamento dei dati personali per il servizio NEWSLETTER (ai sensi del D. Lgs. N. 196/2003)

1. Premessa
Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003 - "Codice in materia di protezione dei dati personali" (di seguito denominato "Codice"), la Regione Emilia-Romagna, in qualità di "Titolare" del trattamento, è tenuta a fornirle informazioni in merito all'utilizzo dei suoi dati personali.
Il trattamento dei suoi dati per lo svolgimento di funzioni istituzionali da parte della Regione Emilia-Romagna, in quanto soggetto pubblico non economico, non necessita del suo consenso.

2. Fonte dei dati personali
La raccolta dei suoi dati personali viene effettuata registrando i dati da lei stesso forniti, in qualità di interessato, al momento della iscrizione all'iniziativa denominata Newsletter Statistica dell'Emilia-Romagna.

3. Finalità del trattamento
I dati personali sono trattati per le seguenti finalità:
a) invio della Newsletter
b) realizzare indagini dirette a verificare il grado di soddisfazione degli utenti sui servizi offerti o richiesti
c)raccogliere notizie e opinioni da inserire nella newsletter medesima e attivare un canale di comunicazione istituzionale

Per garantire l'efficienza del servizio, la informiamo inoltre che i dati potrebbero essere utilizzati per effettuare prove tecniche e di verifica.

4. Modalità di trattamento dei dati
In relazione alle finalità descritte, il trattamento dei dati personali avviene mediante strumenti manuali, informatici e telematici con logiche strettamente correlate alle finalità sopra evidenziate e, comunque, in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi.
Adempiute le finalità prefissate, i dati verranno cancellati o trasformati in forma anonima.

5. Facoltatività del conferimento dei dati
Il conferimento dei dati è facoltativo, ma in mancanza non sarà possibile:
a) invio della Newsletter
b) realizzare indagini dirette a verificare il grado di soddisfazione degli utenti sui servizi offerti o richiesti
c)raccogliere notizie e opinioni da inserire nella newsletter medesima e attivare un canale di comunicazione istituzionale

6. Categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di Responsabili o Incaricati
I suoi dati personali potranno essere conosciuti esclusivamente dagli operatori del Servizio Controllo strategico e statistica
della Regione Emilia-Romagna, individuati quali Incaricati del trattamento.
Esclusivamente per le finalità previste al paragrafo 3 (Finalità del trattamento), possono venire a conoscenza dei dati personali società terze fornitrici di servizi per la Regione Emilia-Romagna, previa designazione in qualità di Responsabili del trattamento e garantendo il medesimo livello di protezione.

7. Diritti dell'Interessato
La informiamo, infine, che la normativa in materia di protezione dei dati personali conferisce agli Interessati la possibilità di esercitare specifici diritti, in base a quanto indicato all'art. 7 del "Codice" che qui si riporta:

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati,  e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'art. 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorchè pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

8. Titolare e Responsabili del trattamento
Il Titolare del trattamento dei dati personali di cui alla presente Informativa è la Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale  Aldo Moro  n. 52, cap 40127.
La Regione Emilia-Romagna ha designato quale Responsabile del trattamento il direttore generale alle risorse finanziarie e strumentali. Lo stesso è responsabile del riscontro, in caso di esercizio dei diritti sopra descritti.

Al fine di semplificare le modalità di inoltro e ridurre i tempi per il riscontro si invita a presentare le richieste, di cui al precedente paragrafo, alla Regione Emilia-Romagna, Ufficio per le relazioni con il pubblico (Urp), per iscritto o recandosi direttamente presso lo sportello Urp.

L'Urp è aperto dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 in Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna (Italia): telefono 800-662200, fax 051-4689664, e-mail urp@regione.emilia-romagna.it.

Le richieste di cui all'art.7 del Codice comma 1 e comma 2 possono essere formulate anche oralmente.

Iscrizione alla newsletter
Iscrivendoti confermi di avere preso visione dell'informativa sulla privacy
(Obbligatorio)
 
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it