Newsletter - Ottobre 2022

La newsletter è curata dall'Ufficio di Statistica della Regione Emilia-Romagna.

Immagine di corredo

Foto di S. Hermann / F. Richter (da Pixabay)


Notizie dalla Regione

La struttura delle famiglie in Emilia-Romagna al primo gennaio 2022

In Emilia-Romagna al primo gennaio 2022 ci sono 2.040.090 famiglie anagrafiche. Due terzi di queste sono costituite da uno o due componenti. Le famiglie unipersonali sono quasi 795 mila, il 39,0%; nelle fasce di età più giovani è più facile trovare uomini che vivono da soli, mentre nelle fasce di età oltre i 64 anni sono le donne a prevalere. In oltre 279 mila famiglie vive almeno un componente con cittadinanza non italiana (13,7% del totale famiglie); queste sono più grandi di quelle formate da soli italiani (rispettivamente 2,64 e 2,09 componenti in media). In oltre 785 mila famiglie, ovvero nel 38,5% dei casi, vive almeno una persona che ha già compiuto i 65 anni. Quasi 533 mila famiglie, il 26,1% del totale, sono costituite solamente da componenti che hanno superato i 64 anni. Questi e altri dati sono disponibili su Statistica self-service, nella nuova sezione dedicata alle famiglie.


Rischio di povertà ed esclusione sociale in Emilia-Romagna nel 2020 e nel 2021

Nel 2021, in Emilia-Romagna, l'11,2% dei residenti vive in condizioni di rischio di povertà o esclusione sociale, un valore in linea rispetto al 2020 (11,0%), ma di oltre 4 punti percentuali inferiore rispetto al 2019, quando era pari al 15,5%. L'Emilia-Romagna è la regione italiana in cui il rischio di povertà o esclusione sociale è meno diffuso, dopo la provincia autonoma di Bolzano. In Italia, è invece più di una persona su quattro (25,4%) a essere a rischio di povertà o esclusione sociale, valore stabile nell'ultimo biennio. Analizzando l'indicatore composito di rischio di povertà o esclusione sociale nelle sue componenti, emerge che nel 2021, in Emilia-Romagna, il 9,6% degli individui residenti risulta a rischio di povertà, lo 0,8% si trova in condizioni di grave deprivazione materiale e il 3,9% vive in famiglie a bassa intensità di lavoro. Per questi ultimi due indicatori, l'Emilia-Romagna fa registrare il valore più basso tra le regioni italiane. Elaborazioni su dati Istat.



Notizie da Istat

Qualità dei servizi della PA: al via la sperimentazione della piattaforma centralizzata di rilevazione

Istat, su indicazione del Dipartimento della Funzione Pubblica, avvia la sperimentazione di un sistema centralizzato di rilevazione statistica della customer experience sui servizi digitali erogati ai cittadini dagli enti pubblici. L'obiettivo è ottenere un quadro della qualità del servizio percepita dal cittadino, superando gli attuali meccanismi di rilevazione autonoma delle varie amministrazioni pubbliche non correlati tra loro e quindi non comparabili. La piattaforma unica di rilevazione è in sperimentazione con INPS, INAIL e Comune di Roma. L'adesione delle PA sarà su base volontaria, la partecipazione dei cittadini sarà anonima.


Tempo libero e partecipazione culturale

La pubblicazione descrive le dinamiche e le tendenze della fruizione del tempo libero e della partecipazione culturale in Italia: come le persone passano il proprio tempo libero, quali sono i loro interessi, quali sono le loro attività preferite. Anche le attività legate al tempo libero e alla partecipazione culturale cambiano sotto la spinta dell'innovazione tecnologica, in parte anche per rispondere alla emergenza sanitaria. Alcune evidenze potrebbero indurre a pensare una diffusa disaffezione da parte della popolazione rispetto alle attività ricreative tradizionali, ma potrebbe trattarsi piuttosto di un mutamento che introduce nuove modalità non assimilabili a quelle fino a ora considerate.



Notizie dal territorio

La qualità della vita nelle gestioni associate della città metropolitana di Bologna

A partire dall'edizione 2021, l'indagine demoscopica campionaria sulla valutazione soggettiva della qualità della vita e del benessere personale nell'intera area metropolitana bolognese consente la lettura dei dati significativa a livello territoriale più fine, coincidente con quello delle gestioni associate di Comuni. Questo è stato possibile grazie a un ampliamento del campione di interviste (3.000 casi). Il report tratta temi come la qualità della vita nella zona di residenza, degrado e sicurezza, gradimento dei servizi territoriali, impatto della pandemia, carico sociale, stato di salute psico-fisica, benessere soggettivo e soddisfazione personale, mobilità. Il progetto è curato dagli uffici di statistica della Città metropolitana di Bologna e del Comune di Bologna.



Abbiamo aggiornato

Dati provvisori mensili sulla domanda turistica fino ad agosto 2022.

Analisi sulle famiglie al primo gennaio 2022.



I prossimi appuntamenti

Festival della statistica e della demografia - 2, 3, 4 dicembre

Sono state fissate le nuove date della manifestazione, dopo il rinvio di settembre in seguito all'indizione delle elezioni politiche. StatisticAll è il Festival della Statistica e della Demografia, promosso dalla Società Italiana di Statistica (SIS), dalla Società Statistica ‘Corrado Gini' e dall'Istituto Nazionale di Statistica (Istat). Sono in programma talk, interviste e momenti di approfondimento che avranno come focus la demografia e il rapporto generazionale, declinati sotto vari aspetti. Il titolo di questa edizione è: “Per un ritorno al futuro – Il debito demografico e la solidarietà intergenerazionale in una società longeva”. Gli eventi potranno essere seguiti in presenza, a Treviso, o online.


Agenda completa




Informativa per il trattamento dei dati personali per il servizio "Newsletter del Portale di Statistica - Regione Emilia-Romagna"

Azioni sul documento

pubblicato il 2022/10/31 18:25:00 GMT+1 ultima modifica 2022-10-31T18:23:59+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina