Big data per il territorio: il bando per le Pubbliche Amministrazioni in Emilia-Romagna

Al via la raccolta dei progetti per l’utilizzo della potenza di calcolo di MarghERita, il supercomputer della Regione Emilia-Romagna.

La Regione Emilia-Romagna ha delineato una strategia di sviluppo e di governance delle politiche regionali e territoriali basata sui dati. La rivoluzione digitale sta creando e rendendo disponibili una sempre più vasta quantità di dati, anche destrutturati, che necessitano di significative risorse informatiche per integrarli, analizzarli e valorizzarli trasformandoli in informazioni che possano supportare la definizione e la valutazione delle politiche pubbliche.

Pochi sono però gli enti pubblici nelle condizioni di affrontare gli investimenti necessari per predisporre infrastrutture informatiche all'avanguardia in grado di realizzare questi processi.

Il supporto offerto dalla Regione Emilia-Romagna alle Pubbliche Amministrazioni che operano sul territorio emiliano-romagnolo si chiama MarghERita, una macchina HPC (High Performance Computer) dotata di 75 nodi fisici computazionali, composti ognuno da 2 processori, capace di integrare ed elaborare grandi moli di dati provenienti da fonti diverse e disomogenee.

Il progetto è pensato quindi per consentire a tutte le Pubbliche Amministrazioni del territorio di sfruttare le potenzialità delle nuove tecnologie e lavorare in ottica di collaborazione, anche tra diversi livelli di governo.

Tale visione è insita anche nell'origine delle risorse che finanziano il progetto, quelle del Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC), finalizzate a contrastare le disparità territoriali.


Il bando

L'avviso rimarrà attivo fino al 31 dicembre 2023. In questi mesi i candidati potranno quindi presentare le loro proposte progettuali.

Chi può partecipare

Possono partecipare tutte le Amministrazioni Pubbliche del territorio dell'Emilia-Romagna (Province, Città Metropolitana, Comuni, Unioni di Comuni, Aziende Sanitarie, Università, Camere di Commercio, Agenzie, Enti Pubblici non economici, Società di servizi pubblici, altre istituzioni nazionali...). È anche possibile partecipare per gruppi di enti, anche di altre regioni, ma con un capofila emiliano-romagnolo. 

Ambito e tipologia dei progetti

I progetti presentati dovranno essere in linea con le finalità istituzionali della Regione Emilia-Romagna, con riferimento, prioritariamente ma non esclusivamente, agli ambiti:

  • supporto alla prevenzione e gestione del rischio ambientale,
  • supporto al controllo della diffusione di patologie (sorveglianza epidemiologica),
  • supporto e controllo dei flussi di traffico e della predizione e mitigazione degli incidenti stradali,
  • supporto alla pianificazione e alle azioni di riduzione dell'inquinamento.

Le proposte potranno riguardare:

  • progetti già realizzati ma su scala ridotta per i quali si propone una estensione,
  • progetti già definiti ma da mettere in opera,
  • idee progettuali non ancora sviluppate.

Fase di valutazione delle proposte

Un comitato di esperti, ogni due mesi, valuterà le proposte presentate considerando diversi elementi: obiettivi, metodologia, fonti dei dati da usare, collaborazioni, impatto del progetto, azioni previste, cronoprogramma, risorse necessarie, sia in termini di utilizzo di MarghERita sia in termini di figure professionali da coinvolgere. Tutti i progetti ammissibili verranno avviati fino alla saturazione della capacità di calcolo del supercomputer.


Contenuti utili

Modulo per la presentazione dei progetti e contatti (margherita@regione.emilia-romagna.it).

Altre informazioni sul bando e sul progetto MarghERita (Agenda Digitale Emilia-Romagna).

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-03-01T13:30:03+02:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina