martedì 28.03.2017
caricamento meteo
Sections

Popolazione

Famiglie

Famiglie anagrafiche per numero di componenti (rilevazione della Regione Emilia-Romagna). Popolazione residente nelle famiglie (fonte ISTAT).

Rilevazione delle famiglie anagrafiche per numero di componenti

 

Modalità di rilevazione

Le rilevazioni sono state effettuate in stretta collaborazione con gli Uffici Statistici delle Province e con il Servizio Programmazione sociale sanitaria e abitativa della Provincia di Reggio-Emilia che hanno raccolto i dati presso le Anagrafi Comunali e che hanno successivamente inviato alla struttura statistica della Regione Emilia-Romagna che ha effettuato il controllo, la validazione e l’eventuale correzione o stima dei dati.

Quando possibile si è cercato di far correggere il dato alla fonte. Le stime sono state successivamente validate anche dagli Uffici Provinciali. Con la rilevazione sono stati raccolti il numero di famiglie per numero di componenti (dalle unipersonali alle famiglie di 9 e più componenti) all’1.1.2008, mentre dall’1.1.2009 sono stati rilevati anche il numero di residenti in famiglia, il numero di residenti in convivenza e il numero di persone che risiedono nel Comune (che deve coincidere con quello della rilevazione regionale della popolazione per sesso ed età a inizio anno) con la novità di un modello di rilevazione scritto in Excel con alcuni controlli automatici di coerenza già presenti in fase di compilazione del foglio stesso per ovviare, il più possibile, a banali errori di battitura del testo.

Dalla rilevazione al 1.1.2010 si è anche automaticamente verificata la coerenza tra la distribuzione del numero di residenti in famiglia per numero di componenti, chiedendo di esplicitarla nel modello Excel, con la analoga distribuzione per numero di famiglie.

 

Modalità di controllo dei dati

Le distribuzioni sono state controllate sotto il profilo della coerenza con i totali noti (numero di residenti nel Comune, numero di residenti in convivenza e dunque, per differenza, il numero di persone che vivono in famiglia) e della coerenza interna (da un anno all'altro e sul numero medio di persone che vivono in famiglie di 5 e più componenti). In modo particolare si è verificato che il numero medio di persone che vivono in famiglie di 5 e più componenti deve essere compreso tra 5 e 6 (raramente il vincolo del livello massimo di 6 persone è stato rimosso e questo è capitato solo quando il Comune ha dato riscontro della presenza di famiglie estremamente numerose, ad esempio gruppi nomadi di 20-25 persone per famiglia). Si è anche verificato che il numero di persone che vivono in famiglia derivante dalla distribuzione non superi (o non sia di molto inferiore) il numero dei residenti nel Comune diminuito dei residenti in convivenza (che nel 2008, visto che non avevamo raccolto il dato, coincide con quello raccolto da Istat col modello P2, tranne che per Monte Colombo - RN).

E' stato considerato errore anche la presenza di un forte scostamento dai totali forniti a Istat.

Molti errori nella distribuzione sono stati risolti troncando la distribuzione a 5 componenti e più; talvolta si è arrivati a eliminare l’errore con piccoli aggiustamenti nella distribuzione o con correzioni effettuate dai Comuni stessi dopo la segnalazione dell’errore . Dalla rilevazione al 1.1.2011 si è potuta estendere la pubblicazione della distribuzione fino a 6 componenti e più per il miglioramento sensibile dei dati alla fonte, quindi si è verificato anche che nelle famiglie di 6 e più componenti vivano effettivamente almeno da 6 a 7 componenti. Quando la media in questo gruppo di famiglie supera le 7 unità, si è verificato che la distribuzione lo consentisse e che non ci fossero errori.

Modalità di stima

Le stime basate sulla distribuzione nello stesso Comune, ma nell’anno precedente o successivo di rilevazione, sono state calcolate sulla distribuzione percentuale del numero di persone che vivono in famiglia secondo il numero di componenti, avendo come riferimento il numero totale di persone che vivono in famiglia (che è, appunto, un totale noto coincidendo con la differenza tra il numero di persone che risiedono nel Comune a inizio anno e il numero di persone che vivono in convivenza).

Nel caso di stime da Comuni donatori, il calcolo viene effettuato sulla media delle distribuzioni percentuali dei singoli Comuni e la similarità è stata individuata in base alla vicinanza territoriale, alla zona altimetrica e al numero medio di componenti più vicino a quello dichiarato. Il primo vincolo, e sempre rispettato, è quello del numero di persone che vivono in famiglia; il secondo vincolo è quello di mantenere un numero medio di persone, che vivono in famiglie di almeno 5 componenti, compreso tra 5 e 6 (dal 2011 nelle famiglie di almeno 6 componenti, il numero medio di componenti è normalmente compreso tra 6 e 7).

Il terzo vincolo, ma non sempre rispettato, riguarda il numero di famiglie che, quando possibile, coinciderà con quello dell'Istat. Il numero di famiglie, dunque, non sempre corrisponderà a quello iniziale o a quello dell'Istat poiché non sempre il vincolo del numero delle famiglie permette un numero medio di persone che vivono in famiglie di 5 e più componenti compreso tra 5 e 6 (o per le famiglie di 6 e più componenti compreso tra 6 e 7). I totali dei residenti nel Comune sono quelli raccolti dalla nostra rilevazione regionale dei residenti per sesso ed età a inizio anno e, sebbene siano coincidenti nella stragrande maggioranza dei Comuni, alcune volte possono discostarsi lievemente dai totali di Istat. Di seguito l’analisi, per singolo Comune, sui trattamenti effettuati sui dati delle famiglie anagrafiche per numero di componenti per le rilevazioni annuali dall’1.1.2008 all’1.1.2011. In fondo si può trovare l’elenco dei Comuni donatori per i 9 Comuni che sono stati stimati sia per il 2008 che per il 2009, seguito da una sintesi a livello provinciale dei risultati dei controlli, delle correzioni e delle stime sia per il 2008 che per il 2009.

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/09/2011 — ultima modifica 31/01/2017
< archiviato sotto: >
Strumenti personali

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it