Ricerca e innovazione

L’attività di ricerca e l’accesso alle tecnologie dell’informazione sono riconosciuti come motori fondamentali dell’economia della conoscenza e assumono un ruolo basilare nelle strategie di sviluppo europee.

Gli indicatori che misurano questi fenomeni riguardano sia l’input sia l’output delle attività innovative e contribuiscono a migliorare la comprensione del livello di progresso di un Paese.

Per perseguire questo obiettivo, gli investimenti in Ricerca e Sviluppo sono considerati un fattore di successo fondamentale, insieme all’investimento in formazione continua e permanente (lifelong learning) al fine di formare un capitale umano in grado di partecipare e di sostenere i processi di crescita dell’economia della conoscenza.

Nel 2020, primo anno della pandemia da Covid-19, le persone in formazione continua e permanente sono in diminuzione in maniera generalizzata nelle regioni europee, probabilmente a causa della difficoltà nel portare avanti i percorsi formativi già programmati e nell’organizzarne di ulteriori.

Rispetto alle regioni europee selezionate come competitors, l’Emilia-Romagna è ancora piuttosto indietro rispetto alla percentuale di risorse umane formate o impegnate in attività scientifiche e tecnologiche, ritardo strutturale tipico del panorama italiano, che si conferma anche nel 2020. Si riscontra un analogo posizionamento dell’Emilia-Romagna e dell’Italia anche per la percentuale di occupati nei settori dei servizi ad alta tecnologia, accompagnato però da una tendenza di lungo periodo in costante crescita, che prosegue anche nel 2020.

Per quanto riguarda invece la percentuale di occupati nel settore manifatturiero ad alta tecnologia l’Emilia-Romagna si mantiene tra le eccellenze europee.

 

NB: Dal 3 marzo 2020 Eurostat ha inserito nei propri dataset un nuovo codice EU27_2020, a sostituzione dei codici EU27 e EU28. Il nuovo aggregato recepisce il processo Brexit, dell’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. I 27 Paesi dell’Unione sono ora: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria. Il Factbook sotto l’etichetta MEDIA UE DAL 2020  propone il nuovo aggregato post-Brexit.

Azioni sul documento

pubblicato il 2018/11/09 14:31:00 GMT+1 ultima modifica 2021-08-30T16:47:25+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina